Ricordo di Giuseppe Lanza

L’amico Giuseppe Lanza (Catania, 08.03.1947), dopo aver combattuto stoicamente da qualche anno contro un grave male, ci ha purtroppo lasciato ieri notte.  Signore gentile ed affabile, deliziava con le sue discussioni , a volte intrise di arguta ironia , chi ha avuto la fortuna di conoscerlo. Scacchista di 3ª nazionale, negli anni Sessanta, all’età di 13-14 anni, imparò il gioco da Paolo Marletta, suo vicino di casa. Nel 1964 frequentava a Catania la quinta classe del liceo scientifico ed era iscritto nella sezione B di  lingua tedesca, che in occasione dei suoi viaggi, data l’ottima formazione, non mancava efficacemente di sfoderare. Quell’anno  al Circolo Scacchistico «Paolo Boi», sito allora  in Via Puccini, ebbe l’occasione di conoscere Ignazio Clementi Landolina che soleva leggere il Bilguer, il simpatico Carmelo Nicolosi, l’avv. Mario Amato che prediligeva giocare col Nero difese di fianchetto in g6 o in b6, allora poco teorizzate, Franco Agresti e Guido Romano, un suo  compagno di classe.  Di tale sodalizio fu socio e segretario fino al 1965. L’anno successivo frequentò la sezione scacchi «Paolo Boi» del Dopolavoro Dipendenti Comunali, (1966). Nel 1971 , insieme al fratello Giampaolo, anch’egli appassionato scacchista, prese parte alla storica simultanea tenuta nel 1971 dal maestro internazionale Stefano Tatai nel salone del dott. Franco Spadaro. In trasferta fu promosso in 3ª nazionale al torneo di Bari (24 luglio-1 agosto). Per motivi professionali, quale zelante farmacista operante nelle strutture ospedaliere, fu costretto ad abbandonare l’attività scacchistica. Dopo il pensionamento riprese con fervore la sua antica passione, conquistando la seconda categoria nazionale ed ebbi modo di diventare suo amico soprattutto durante la frequenza del circolo scacchistico di Valverde, di cui amava ed apprezzava i tornei serali che gli davano la possibilità di praticare in un contesto di piacevolezza ed armonia il nobile gioco dei re.

Alla famiglia porgiamo le più sentite condoglianze.

Santo Daniele Spina

IMG_5808

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in AMICI CHE CI LASCIANO, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Ricordo di Giuseppe Lanza

  1. Mario Spadaro ha detto:

    La notizia mi addolora molto. Ho incontrato Giuseppe per l’ultima volta in occasione della presentazione dello splendido libro “Vecchie immagini di scacchisti”. Mi aveva invitato a prendere esempio da lui per tornare a giocare agonisticamente, anche con i limiti connessi all’età. Con l’amaro in bocca rimpiango di non aver accettato subito la sua proposta, perdendo il grande piacere di giocare ancora una volta insieme. Ciao Giuseppe!
    Mario Spadaro

  2. Elisabetta L ha detto:

    Carissimo, la ringrazio di cuore per il gentile pensiero e per aver onorato il ricordo di mio Padre con questa dimostrazione di affettuosa stima. Mio Padre amava tanto giocare a scacchi e aveva trovato nel circolo di Valverde un gruppo di amici con cui apprezzava particolarmente confrontarsi sulla scacchiera. Grazie ancora. Elisabetta Lanza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...