Mostra “GLI SCACCHI A CATANIA NELL’OTTOCENTO”, Lido dei Ciclopi, 30 agosto 2009

 
 
 
 
A. D. SCACCHI VALVERDE
&
AMATORI SCACCHI CATANIA 
  •  

    MOSTRA

    "GLI SCACCHI A CATANIA NELL’OTTOCENTO"

    a cura del Prof. Santo Daniele Spina

       Lido dei Ciclopi  Gli Ulivi srl,                   Via Provinciale 2, Aci Castello (CT)

  •                             DOMENICA

    30 AGOSTO 2009

    L’attività scacchistica a Catania alla fine dell’Ottocento è saldamente documentata.

    Gli scacchisti dell’epoca furono avvocati, professori, commercianti, banchieri, farmacisti, floricoltori; soprattutto trainante per la costituzione del circolo catanese fu il ruolo svolto dagli avvocati: addirittura un professore universitario di Giurisprudenza, il prof. Cavallaro, destinò una stanza del suo palazzo a sede dell’associazione scacchistica.

    Alcuni tra i giocatori erano legati al partito monarchico e tale circostanza spiega la presenza di un annuncio scacchistico, altrimenti inspiegabile, su La Sentinella.

    La scherma era esercitata e praticata con zelo in accordo alla educazione "cavalleresca" dei tempi: ad esempio il Torresi fu un abile spadaccino.

    Pare che dalla Torre Alessi, opera del Sada demolita nel 1963, si giocasse a scacchi "per corrispondenza" tramite piccioni viaggiatori.

    La ricerca documentaria alla base della mostra è stata condotta presso alcune Istituzioni Pubbliche: l’Archivio di Stato di Catania, l’Archivio Storico Catanese, la Biblioteca Regionale Universitaria di Catania, le Biblioteche Riunite "Civica e A. Ursino Recupero", la Biblioteca Regionale di Palermo, la Biblioteca Nazionale di Roma e la Biblioteca Nazionale di Firenze.

    La collaborazione e la disponibilità dei parenti dei giocatori di scacchi catanesi di fine Ottocento ha permesso di raccogliere notizie di famiglia prettamente orali e fotografie e altro materiale non altrimenti noto e destinato all’oblio.

    Il percorso della mostra parte dall’illustrazione dell’attività scacchistica catanese nel Seicento che ebbe nel sacerdote don Pietro Carrera di Militello un suo accesso seguace.

    I restanti pannelli sono dedicati alla fondazione del "Circolo Scacchistico Catanese" sullo scorcio del 1895 e agli scacchisti catanesi dell’Ottocento: Antonino Sciuti, il barone Franco Auteri, l’avv. Giuseppe Alessi e le relative vicende legate alla Torre Alessi e alla sfida Alessi-Sgroi; l’avv. Francesco Torresi; l’avv. Vincenzo Barone; il barone Adamo Asmundo di Gisira; il banchiere Pietro Aellig; lo storiografo Vincenzo Finocchiaro; il farmacista Gaetano Nicolosi che partecipò a Roma al torneo nazionale del 1900; Vespasiano Bettoni che scrisse un’enciclopedia originale intitolata "Archivio di cultura universale a sintesi esplosiva"; Angelo Ardizzone che nel 1899 curò contemporaneamente quattro colonne.

    Il Prof. Santo Daniele Spina, ideatore e curatore della mostra, ha utilizzato il gioco degli scacchi al fine della ricostruzione storica dello sfondo culturale cittadino che sottintende il "gioco dei Re" e con tale chiave di lettura ha gettato luce su due categorie sociali: nobiltà e alta-borghesia attive a Catania alla fine dell’Ottocento.

    Per chi volesse approfondire le tematiche della mostra si consiglia la lettura delle seguenti pubblicazioni del prof. Spina: Gli scacchi a Catania alla fine dell’Ottocento (Catania 1996); In me vis sortis nulla, sed ingenium. Avvertenza sul Carrera scacchista in Pietro Carrera, Risposta di Valentino Vespaio, Boemi, Catania, 1996 (ristampa anastastica); La storia plurisecolare degli scacchi a Catania in Il libro di Catania, Boemi, Catania, 1997, pp. 279-181; La torre che ispirò Brancati in Scacco! n. 3 marzo 1998, pp. 38-39; Arcangelo Blandini e la storica simultanea di Bogoljubov a Catania in Per un bilancio di fine secolo. Catania nel Novecento. Atti del II Convegno di studio (1921-1950), Catania, luglio 2000 pp. 657-669; La sfida Alessi-Sgroi, Catania 2001; Cosimo Sgroi: il primo italiano che partecipò a un torneo internazionale per corrispondenza alla fine dell’Ottocento in Telescacco 2000, n. 11, dicembre, Roma 2001, pp. 300-301; La Torre Alessi in Agorà, n. 9, aprile-giugno 2002, pp. 42-51; La torre Alessi: una memoria storica da recuperare in Per un bilancio di fine secolo. Catania nel Novecento. Atti del III Convegno di studio (1951-1980), Catania, giugno 2002, pp. 389-417; Pietro Carrera: il più grande trattatista del Seicento in Pietro Carrera, Il gioco de gli scacchi, Boemi editore, Catania marzo 2003 (ristampa anastatica dell’edizione 1617), pp. 7-31; "Il gioco degli scacchi" di Vespasiano Bettoni in Scacchi e Scienze Applicate, vol. 20, fasc. 22 (2002), Venezia, giugno 2003, pp. 30-40; Indice bio-bibliografico degli scacchisti attivi in Sicilia (1500-1970), Catania 2007.

    Annunci
    Questa voce è stata pubblicata in NOTIZIE. Contrassegna il permalink.

    Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...